Seleziona Pagina

L’abito non fa il ristorante: a Londra apre il primo locale per cenare nudi

Non c’è bisogno di vivere in piena campagna per sperimentare le libertà del nudismo. Ora anche in una delle più trafficate e moderne metropoli si può stare “comodamente” seduti al ristorante e godersi una cena “come mamma ci ha fatto”. Dove, se non a Londra? C’è chi non riuscirebbe neanche ad immaginare un mondo senza i progressi […]
L’abito non fa il ristorante: a Londra apre il primo  locale per cenare nudi

C’è chi non riuscirebbe neanche ad immaginare un mondo senza i progressi della tecnologia, e poi ci sono i nostalgici della vita di una volta, ma non di quella (seppur di indubbio fascino) di qualche decennio fa. No, quelli sono i vintage lovers. Noi, invece, parliamo di chi promuove un ritrovato contatto con la natura, più puro e più diretto, evitando il più possibile gli artifici della contemporaneità.

Una vita sana nel rispetto della natura e delle persone

Sono i naturisti, di cui il nudismo rappresenta soltanto una delle peculiarità. Rispetto per le persone, per gli animali e per l’ambiente. Questa la filosofia di un naturista che si traduce in una vita sana, nell’utilizzo di cibi il meno possibile trasformati, attività sportiva all’aria aperta e nel nudismo come pratica sociale, che infatti realizza sia in spazi pubblici sia in spazi privati.

Ebbene, oggi i naturisti/nudisti di Inghilterra hanno un nuovo spazio in cui praticare in libertà le loro convinzioni e per di più in piena città: il ristorante The Bunyadi a Londra.

Il ristorante più nudo di Londra “Naturale” il significato del suo nome in Hindi, e già questo dice tutto. Sì perchè al The Bunyadi tutto, ma proprio tutto, è progettato per offrire un’esperienza il più possibile Pangea-style.

No ad agenti chimici, colori artificiali, elettricità, gas, telefoni e via anche i vestiti, per chi vuole sentirsi completamente libero. L’essere nudi, infatti, è qui una condizione suggerita ma non obbligata, e così nel corso della cena chi vuole è libero di spogliarsi della vestaglia che verrà fornita all’ingresso in cambio dei propri abiti.

Nude non solo le persone, ma anche i cibi: cibi naturali, sani, salutari, coltivati in casa e poi cotti a legna, serviti in stoviglie di terracotta e consumati con posate edibili a lume di candela.

Insomma, un’esperienza unica per provare a tornare alle origini, quando tutto era, come recita il sito web del ristorante, fresco, libero e non corrotto dalla vita moderna. Almeno per una sera.

Se si è fortunati! Il ristorante, infatti, sarà una pop-up experience che aprirà al pubblico per soli 3 mesi a partire da giugno e ad oggi sono già 22.900 le richieste in lista d’attesa, che aumentano sempre più rapidamente!

Non resta che mettersi in fila e aspettare il proprio turno. E niente selfie con il nudo, le foto non sono consentite! Insomma, più intimo di così…

Trovi le nostre news interessanti?

Resta sempre aggiornato sulle nostre nuove notizie. Seguici sui tuoi social preferiti


Sull'autore

Pin It on Pinterest

Shares