Select Page

Mostre sotto l’albero: Capolavori a villa La Quiete, Firenze

by | 27 Dec 2016 | Cultura | 0 comments

Facebook X Una delle ville medicee dell’interland fiorentino, Villa La Quiete, ha aperto nell’estate 2016 le porte al pubblico, rivelando il suo tesoro di capolavori dell’arte fiorentina. Li racconta in mostra fino al 15 gennaio 2017. I Medici amavano circondarsi di cose belle. E amavano rifugiarsi nel contado, anche poco distante dalla città, per godere […]

Una delle ville medicee dell’interland fiorentino, Villa La Quiete, ha aperto nell’estate 2016 le porte al pubblico, rivelando il suo tesoro di capolavori dell’arte fiorentina. Li racconta in mostra fino al 15 gennaio 2017.

I Medici amavano circondarsi di cose belle. E amavano rifugiarsi nel contado, anche poco distante dalla città, per godere della pace e dedicarsi all’ozio intellettuale. Nel quartiere di Castello, a Firenze, oggi ai margini della città, ma un tempo già in aperta campagna alle pendici del Monte Morello, si incontrano ben quattro ville medicee, altrettanti capolavori di architettura, arte, storia, con giardini all’italiana bellissimi e curatissimi. La villa di Castello, oggi sede dell’Accademia della Crusca, è nota per il suo giardino e la sua limonaia; la Villa della Petraia fu eretta a residenza da Vittorio Emanuele II nel periodo di Firenze capitale ed ha anch’essa un giardino all’italiana; Villa Corsini ospita una parte della collezione di antichità dei Medici ed ha anch’essa un giardino all’italiana; infine villa La Quiete, di proprietà dell’Università di Firenze, fu un convento femminile, ed ha anch’essa un giardino all’italiana, che non si può intuire dalla strada, protetto com’è da un alto muro che ne segna i confini.

Villa La Quiete

Villa La Quiete fu convento femminile dal XVI secolo. Eleonora Ramirez de Montalvo istituì l’ordine delle Montalve, che in realtà era un istituto laico di educazione femminile delle figlie di buona famiglia di Firenze. Non solo, ma la villa fu dimora per un certo tempo dell’Elettrice Palatina, colei che segnò il passaggio dalla dinastia dei Medici a quella dei Lorena nella gestione di Firenze e alla quale si deve la salvaguardia delle collezioni d’arte e d’antichità medicee. Le Montalve avevano una sede anche in centro città, in via della Scala. Ma con l’Unità d’Italia tale istituto fu dismesso. Unica sede rimase allora quella di Villa La Quiete nella quale furono portate le opere d’arte di proprietà delle Montalve.

La mostra: capolavori a Villa La Quiete

Una sala, il refettorio delle Montalve, ospita in un’atmosfera davvero suggestiva, 7 opere d’arte che arredavano altrettante chiese e possedimenti dell’ordine monastico da Firenze a Bagno a Ripoli. Se 9 vi sembran poche, resterete però sorpresi nel trovarvi davanti una Incoronazione della Vergine di Botticelli (e bottega), che con la sua schiera di santi e di personaggi splendidamente vestiti che fa da contorno alla scena principale vi accoglie in mostra.

Alcune opere di Rodolfo del Ghirlandaio, sempre a tema religioso, sono incentrate sul tema dello Sposalizio Mistico di Santa Caterina, nelle quali la santa riceve dalla mano del Bambin Gesù l’anello che simboleggia le nozze.

Un altro capolavoro è una pala d’altare dal bizzarro effetto 3d è Santa Maria Maddalena abbracciata alla croce di Cristo di Michele Tosini: è tutto dipinto, la Maddalena, la croce, il paesaggio retrostante; ma alla croce è applicato un crocifisso vero, di legno, e l’effetto scenografico è notevole.

Due postazioni touchscreen completano l’esposizione, raccontando i dettagli e la storia di ogni singola opera.

Oltre la mostra

Villa La Quiete è visitabile al suo interno. Alcune sale sono aperte al pubblico e vi sono delle cose curiose, come la piccola farmacia, con tutti gli arbarelli per le erbe curative ed aromatiche.

La mostra Capolavori a Villa La Quiete è stato il primo passo verso la musealizzazione e apertura al pubblico della Villa. L’ingresso è gratuito ed aggiunge un nuovo capitolo all’arte di Firenze.

 

Photo Credits: www.villalaquietefirenze.it

<a href="https://sopralerighe.it/author/m-loblundo/" target="_self">Marina Lo Blundo</a>

Marina Lo Blundo

Archeologa, lavora come assistente alla vigilanza al Museo Archeologico Nazionale di Firenze; si occupa di blogging archeologico, museale e culturale e di social media per la cultura. In realtà è una blogger seriale. Ama viaggiare e non rifiuta mai una tazza di té.

Altro in Cultura

Spartaco: schiavi di ieri e di oggi

Spartaco: schiavi di ieri e di oggi

La mostra all’Ara Pacis sfrutta il nome del più famoso tra gli schiavi dell’antica Roma per parlare della schiavitù nel mondo antico e per denunciare paralleli tra l’antichità e oggi. Il Museo...

Il G7 della Cultura a Firenze

Il G7 della Cultura a Firenze

Il 30 e 31 marzo Firenze ospita l’evento culturale più importante per la politica mondiale: il G7 della Cultura. Per l’occasione in piazza della Signoria sarà allestita la ricostruzione dell’Arco di...

Pin It on Pinterest

Shares